Conto Deposito Banca Intesa: Conviene?

I conti deposito sono tornati prepotentemente alla ribalta, grazie anche al fatto che trovare investimenti sicuri che rendano qualcosa si è fatto, nei tempi, sempre più difficile.

Il conto deposito è però uno strumento di risparmio che, sempre più tipicamente, è offerto da banche di piccole e medie dimensioni, che utilizzano questo strumento per approvvigionarsi di capitali a tassi più bassi di quelli di mercato.

Che dire allora del conto deposito Banca Intesa, ossia il conto del gruppo tra i più capitalizzati d’Italia? Come avremo modo di vedere non dispone di un conto deposito, anche se presenta offerte simili che possono forse allettare chi è alla ricerca di un investimento sicuro, dal rendimento basso e presso un grande gruppo bancario.

Vediamo insieme cosa ha da offrire di simile al conto deposito Banca Intesa.

Banca Intesa è sicura?

Sì. Si tratta di un gruppo che, seppur stia affrontando le vicissitudini che hanno colpito l’intero comparto bancario italiano, è ancora in grado di offrire basi relativamente solide per chi volesse depositare i propri risparmi.

Al tempo stesso c’è da considerare il fatto che su tutti i prodotti deposito vige la tutela del Fondo Interbancario di Garanzia, che copre tutti i depositi, di qualunque tipo essi siano, fino a 100.000 euro.

Questo vuol dire che anche nella remota ipotesi di un fallimento del gruppo Intesa, chi ha investito somme inferiori a 100.000 euro si vedrà rimborsare la somma in toto dal fondo stesso.

Sul piano della sicurezza non ci sono dunque particolari preoccupazioni che dovrebbero riguardare Banca Intesa, almeno nel momento in cui vi scriviamo e tenendo conto delle attuali condizioni di salute del sistema bancario italiano.

Il libretto di risparmio Intesa: l’alternativa al conto deposito

La prima alternativa tra quelle offerte da Banca Intesa per i propri clienti è il libretto di risparmio. Si tratta di un gruppo di strumenti che ricalcano almeno a grandi linee quanto viene offerto da Poste Italiane, sia nel funzionamento che nella tipologia di rendimento.

Libretto Flash di Intesa

Intesa offre per i ragazzi che abbiano compiuto il dodicesimo anno di età la possibilità di aderire a Libretto Flash.

Si tratta di uno strumento che è stato concepito come risparmio per i minorenni, sul quale verseranno i genitori e i parenti più prossimi, che aggiunge inoltre la possibilità di gestire il tutto tramite Home Banking via Internet Gratuito, che permette però soltanto di controllare quanto è disponibile presso il libretto e non di effettuare operazioni.

Libretto Flash offre anche la possibilità facoltativa di ottenere una carta per versare e prelevare dal libretto presso tutti gli sportelli ATM del gruppo.

Il limite di giacenza massimo è di 4.999,99 euro e non è possibile dotarlo di IBAN. Non può essere utilizzato per ricevere e effettuare dunque pagamenti.

Non vi è imposta di bollo e gli interessi offerti sono dell’1% lordo su base annua, fino al diciottesimo anno di età. Una volta superato il diciottesimo anno di età, Banca Intesa porta gli interessi ad un misero 0,01%.

Il prodotto ricalca in tutto e per tutto il libretto postale tradizionale, offrendo emolumenti e funzionamenti in tutto e per tutto simili.

Per chi ha la pensione: Libretto pensione del gruppo Intesa 

Intesa offre anche un prodotto libretto per chi ha bisogno di ricevervi la pensione e provare a maturare un po’ di interessi su quanto viene depositato.

Anche in questo caso vengono riconosciuti interessi tutto fuorché stratosferici, perché parliamo di un 0,01% su base annua lorda. Non vi sono limiti massimi di giacenza.

Libretto Pensione offre al tempo stesso la possibilità di dotare il libretto di una carta che può essere utilizzata sia per prelevare che per versare da qualunque sportello ATM in capo al gruppo stesso.

Nel caso di questo specifico libretto, non essendoci limiti di giacenza, ci si potrebbe trovare a pagare l’imposta di bollo sulle giacenze superiori ai 5.000 euro.

La possibilità offerta dai depositi bancari

Le banche del Gruppo Intesa permettono anche di aprire depositi bancari con certificato, che vengono però offerti cliente per cliente con tassi di interesse variabili. Anche in questo caso è irragionevole però aspettarsi interessi più alti di quelli sopra descritti, rendendo anche questa modalità di risparmio molto poco allettante.

Non dipende da Intesa, ma dalla particolare congiuntura economica

In realtà non è completamente responsabilità di Intesa, che come le altre banche, tanto italiane quanto straniere, si trova ad operare in un particolare momento economico che è caratterizzato da:

  • interessi molto bassi: tenuti artificialmente bassi dalla BCE per uscire dalla crisi, hanno abbassato le rendite di ogni altri tipo di risparmio;
  • corsa al risparmio sicuro: dopo la crisi finanziaria che ha colpito tutto il mondo sviluppato, il forte abbassamento di propensione al rischio del risparmiatore comune ha reso le rendite degli strumenti sicuri ancora più basse.

In questa situazione operare con strumenti sicuri come i conti deposito, i certificati di deposito o i libretti vuol dire accontentarsi praticamente di nulla in cambio. Situazione poi non molto diversa anche sul fronte obbligazioni, con quelle più sicure che offrono ormai rendimenti vicini allo zero, se non in qualche caso inferiori.

Conviene depositare i propri risparmi nelle banche del Gruppo Intesa?

No, o meglio, non conviene depositarli qui come non conviene depositarli altrove, fatta eccezione qualche conto deposito che abbiamo già presentato nelle nostre pagine e che offre rendimenti fuori mercato.

Per il resto è meglio orientarsi, pur essendo consci dei maggiori rischi che si andranno a correre, verso altri strumenti, in grado di offrire rendimenti più alti sia nel breve che nel lungo periodo.

Il vecchio risparmio in forma di deposito / libretto non ha ormai più quelle caratteristiche in grado di renderlo appetibile, anche nel caso in cui la nostra propensione al rischio fosse davvero enormemente bassa.

Come anticipato, su MigliorConto troverai altre opportunità di deposito e risparmio: ti consigliamo la lettura della nostra sezione dedicata ai vari conti deposito: continua a seguirci!

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *